giovedì 24 luglio 2014

Tiramisù alle pesche

Tiramisù alle pesche 006

Eccoci arrivate alla nostra pausa estiva!!!

Come succede con la fine dell'anno solare, anche questa tappa mi porta a tirare le somme, a visualizzare un periodo di tempo dall'esterno, come in un film e valutare le cose che ho fatto da un'altra prospettiva e con un po' di senso critico.

Non è che serva a molto tutto ciò per quanto riguarda gli errori...li individuo, me ne rendo conto, ma poi li ripeto comunque; invece è un toccasana per le cose che ritengo positive, quelle che mi hanno fatto sentire bene, quelle che malgrado la fatica di portarle a termine, hanno poi lasciato un po' di orgoglio nell'animo.

Una di queste, l'avrete capito è il nostro " Blogghettino " !!!

La fatica durante l'anno, il ritagliare spazi al tempo libero che è sempre troppo poco, cucinare anche quando la voglia non c'è...ma è giorno di pubblicazione, sono tutte cose che a vederle adesso, invece di stressarmi mi caricano.

Il piacere poi di condividere con una persona speciale, un'amica da sempre, tutto ciò....non ha prezzo!!!

La ricetta di oggi è l'ultima prima della pausa estiva e non poteva che essere un dolce a chiudere il bilancio in bellezza!!!

Con la proposta di oggi, questo Tiramisù alle pesche, facilissimo, veloce e golosissimo vi auguriamo una bellissima estate e vi aspettiamo fra qualche settimana con altre ricette!!!

Buone Vacanze!!!

 

Ingredienti per 4 persone:

250 gr di mascarpone

2 uova

8 cucchiai di zucchero

un pizzico di sale

4 pesche grosse e mature

10/12 biscotti Savoiardi

1 limone

50 gr di cioccolato bianco

 

Separare i tuorli dalle chiare e metterli in due contenitori. Sciogliere al fuoco in un pentolino 4 cucchiai colmi di zucchero con un cucchiaio di acqua.

Con lo sbattitore elettrico montare i tuorli con lo zucchero sciolto e bollente,versandolo a filo.

Quando sono gonfi e chiarissimi unire il mascarpone mescolando delicatamente.

Montare a neve le chiare con un pizzico di sale.

Unire le chiare a neve alla crema di mascarpone e mettere in frigo.

Sbucciare le pesche e farle a pezzettini, metterle in una pentola con il succo di mezzo limone e la scorza grattugiata; unire lo zucchero rimasto ( 4 cucchiai colmi ) e fare andare a fuoco vivace per circa 5 minuti, finche le pesche non sono leggermente sfatte e avranno lasciato un bel po' di liquido.

Con un colino separate il liquido dalla frutta e mettete quest'ultima in frigo.

Mettete il succo delle pesche in un piatto fondo e rigirateci i biscotti velocemente da tutti i lati.

Disponete i biscotti opportunamente spezzati, nel fondo di 4 ciotoline monoporzione, coprite con la crema di mascarpone e con un paio di cucchiaiate di frutta.

Spolverizzate con il cioccolato bianco grattugiato.

Procedete ad un secondo strato se le coppette lo consentono.

Guarnite con un po' di composto di pesche e cioccolato bianco a scagliette.

giovedì 17 luglio 2014

Tartellette alla marmellata di limoni

tartellette al limone e marmellata al limone

La marmellata di limoni è una delle più buone e profumate, se poi avete dei frutti nostrani come questi il risultato sarà eccellente.  La troverete squisita accompagnata semplicemente a del pane, aggiunta allo yogurt  oppure, come abbiamo fatto noi, per fare delle deliziose tartellette.

La ricetta  della marmellata che segue è della mia amica Lina che mi ha portato questi fantastici limoni dalla costiera salernitana.

Ingredienti per la marmellata di limoni:

12 limoni non trattati

1 litro di acqua frizzante

zucchero in base al peso ( leggere procedimento)

Procedimento per la marmellata di limoni:

Lavare i limoni, con un pelapatate togliere la scorza ai limoni, tagliarla a filetti. Tagliare i limoni a cubetti senza togliere la parte bianca. Mettete tutto in una pentola e versate l’ acqua frizzante.

Coprire e lasciar riposare per un giorno, scolare i limoni con un colapasta. Pesare i limoni e calcolate la stessa quantità di zucchero.

Mettere i limoni in una pentola con un bicchiere del liquido, far cuocere a fuoco basso sino a che le bucce dei limoni non saranno tenere. Dipende molto dai tipi di limone, ci vorranno circa due ore. Aggiungete infine lo zucchero e far bollire ancora quindici minuti.

Imbarattolatela bollente nei vasetti sterilizzati, rovesciateli e fateli raffreddare in questa posizione.

Ingredienti per la pasta frolla:

300 gr di farina 00

120 gr di zucchero

150 gr di burro

2 uova

1 pizzico di sale

la scorza di un limone grattugiata

Procedimento per la pasta frolla:

Versate in una ciotola la farina, miscelatela con lo zucchero, il sale e la zeste di limone.

Unite il burro a tocchetti e impastate brevemente. Aggiungete per ultime le uova, formate l’impasto e ponete a riposare in frigo avvolto nella pellicola per almeno un’ora.

Accendete il forno a 170°

Ungete gli stampini delle tartellette, tirare la pasta frolla alta circa 3 o 4 millimetri. Tagliate la pasta e riempite gli stampini, mettete un cucchiaio di marmellata e rifinire con due strisce di frolla.

Infornare per 10/15 minuti.

giovedì 10 luglio 2014

Rotolo al cioccolato con crema di ricotta e nutella

rotolocioccolato con ricotta e nutella

Anche in vacanza non posso rinunciare ad un dolce che appaghi la mia gola, il mio palato ed il mio occhio.

Trovandomi in Calabria ho approfittato del sostegno del mio amico Nuccio  del blog di Max, è stato così gentile da venire a trovarmi e, bussando con i piedi per quante cose aveva portato, ci siamo concessi un succulento pranzo insieme preparato dalla mia mamma.

Nuccio ha portato una deliziosa crema a base di ricotta per farcire i cannoli alla siciliana, con l’ “avanzo della crema di ricotta”  abbiamo preparato questo rotolo ghiottissimo.

L’impasto è facilissimo da fare e potete prepararlo direttamente in un comunissimo robot da cucina.

Ingredienti per il rotolo:

4 uova

200 gr di zucchero

130 gr di farina 00

70 gr di cacao amaro in polvere

1 bustina di lievito per dolci

30 ml di acqua

1 pizzico di sale

Procedimento:

Imburrare ed infarinare una teglia da forno rettangolare, accendere il forno a 170°.

Mettere nel robot da cucina le uova con lo zucchero, il sale e l’acqua. Montare per circa cinque minuti sino a che l’impasto non sarà diventato bianco e spumoso. Miscelare la farina con il lievito ed aggiungerla a cucchiai all’impasto senza mai fermare il robot da cucina. Una volta incorporato versare nella teglia. Infornare per 15 minuti, fate una prova con lo stecchino per assicurarvi che esca asciutto.

Non appena sfornato coprire con un foglio di carta da forno, rovesciatelo ed arrotolatelo su se stesso, aspettare che sia freddo prima della farcitura.

Crema di ricotta ( fatta da Nuccio):

600 gr di ricotta di pecora freschissima

100 gr di zucchero a velo

100 gr di zucchero semolato

Impastare la ricotta con lo zucchero e porre in frigo per almeno un paio di ore.

 

Per la finitura del dolce:

250 gr di nutella

100 gr di granella di nocciole

Aprire il rotolo e spalmarlo con la nutella, spalmatevi i due terzi della crema e richiudetelo.

Decorare con la crema rimasta e mettere sopra la granella di nocciole.

giovedì 3 luglio 2014

Marmellata di albicocche e banane

marmellata di albicocche e banane 008

Sapete cosa succede in casa mia nel periodo estivo???   C'è sempre una gran quantità di frutta e non facciamo mai in tempo a mangiarla tutta nel suo momento di maggiore fragranza e splendore.

La varietà di proposta nei banchi del mercato è strabiliante, colori e profumi mi catturano e non riesco a trattenermi dal comprare un po' di tutto.

In più, nei pochi alberelli da frutto del giardino, quello che giunge a maturazione va colto e mangiato  in fretta.

Che fare con tutto questo ben di Dio in esubero???   Semplice rispondere......delle belle marmellate!!!

Ecco la nostra proposta di oggi, un abbinamento particolare e goloso, dal profumo leggermente esotico che potrete fare molto velocemente e altrettanto velocemente farete fuori!!!

La proporzione tra zucchero e frutta è a discrezione; La mia nonna, che di marmellate ne faceva a tonnellate, diceva sempre che lo zucchero deve essere  la metà del quantitativo della frutta, e così faccio io.

Un'altra regola che non smetteva mai di ripetere era la sterilizzazione dei barattoli, prima e dopo, perché coi batteri non si scherza e bastano pochi minuti in più per portare fino ai mesi freddi e grigi, il profumo e il sapore dell'estate.

Ingredienti:

600 gr di albicocche mature

400 gr di banane

1 limone bio

1/2 kg di zucchero

Lavare e asciugare le albicocche, tagliarle a pezzettini piccoli e versarle in una capiente casseruola dal fondo largo.

Sbucciare e affettare le banane e unirle nella casseruola alle albicocche.

Unire la scorza di limone, il succo filtrato e lo zucchero. Mescolare e mettere su fuoco moderato.

Fate bollire la frutta fino a che non è diventata una purea omogenea.

Versare la marmellata ancora bollente nei barattolini precedentemente sterilizzati, tappare e capovolgere il barattolo sul piano di lavoro.

Se si vuole essere sicuri di aver sterilizzato e messo sottovuoto bene i barattoli, rimetterli al fuoco in una pentola, completamente immersi nell'acqua e fateli bollire per 10 minuti.

mercoledì 25 giugno 2014

Panini allo strutto con frittata agli spinaci, pomodoro e finta maionese alle erbe

panini allo strutto con frittata alle erbette 024

L'idea di un pic-nic per mia figlia è qualcosa di super divertente, sfizioso e allegro....non è dello stesso parere mio marito, che chiama "incubo pic-nic" i suoi tentativi di portarlo a pranzo nel prato.

Stare scomodamente seduti in terra, con formiche che tentano gli assalti da tutti i lati della tovaglia e lui che alza i piattini e le stoviglie tentando di salvare il salvabile è il suo terrore!!!

Secondo mia figlia ha visto troppi cartoni animati anni '70 in cui Joghi e Bubu si contendevano le tavole imbandite dei poveri campeggiatori....secondo lui è lei che non comprende la bellezza di mangiare seduti comodi, con tutti i confort e magari andare in passeggiata campagnola dopo il pranzo....

Forse, come in tutte le cose, la verità starà nel mezzo e da buona mediatrice ho cercato di accontentare entrambi proponendo, in una domenica assolata ma perfetta per un pranzo all'aperto, questi panini supe-morbidi appena sfornati e imbottiti con quello che più ci piaceva.

Due tovagliette, una nel tavolino e una in terra hanno fatto la felicità di entrambi e tra i vari gusti dei panini quello che vi propongo oggi è stato il più gradito.......ci vuole così poco per mediare nelle piccole cose?!?!

La maionese che ho fatto per questi panini è senza uova, viste le giornate calde e l'impossibilità di avere sotto mano un frigo ma è molto buona e può essere sostituita a quella classica in qualsiasi preparazione.

Ingredienti:

Per i panini 20/24 pezzi:

350 gr di farina 00

150 gr di farina manitoba

25 gr di lievito di birra

120 gr di acqua

80 gr di strutto

1 cucchiaio di malto

8 gr di sale

Per la farcitura:

2 uova

50 gr di spinaci

1 pomodoro maturo

50 gr di latte intero

100 gr di olio di semi di girasole

1 cucchiaio di aceto

1 pizzico di sale

erbe aromatiche fresche( cipollina, maggiorana, timo) q,b.

olio evo

Sciogliere in una ciotola il lievito con due cucchiai di acqua tiepida presi dal totale.

Setacciare le farine e disporle a fontana. Aggiungere il sale nei bordi, lo strutto a fiocchetti e versare al centro il lievito sciolto, amalgamandolo.

Unire il malto, l'acqua e impastare per una decina di minuti formando un panetto morbido e compatto.

Coprire e lasciare lievitare per 1 ora.

Allungare con le mani l'impasto lievitato e formare un filone che taglierete a pezzetti sagomandoli a forma di panino tondo.

Disporli su una teglia coperta da carta da forno e lasciarli crescere ancora per 1h.

Infornarli a 210° per 8 minuti circa.

Pulire e lavare le foglie di spinaci e metterle in una padella larga antiaderente con due cucchiai di olio e due di acqua, coprire e fare appassire 5 minuti finché non saranno dimezzati di volume.

Salare a piacere e fare asciugare tutto il liquido.

Intanto sbattete le uova, salate appena e versatele nella padella degli spinaci. Cuocete bene da ambo i lati.

Per la maionese versate nel bicchiere del frullatore a immersione l'olio di semi, il latte, un pizzico di sale, il cucchiaio di aceto e frullate pochi secondi finché non si addensa.

Lavate e asciugate le erbe aromatiche e tritatele finemente; unitele, amalgamando con delicatezza alla maionese appena fatta.

Dividete i panini in tre parti e farciteli con la frittatina, un cucchiaio di maionese, il pomodoro e ancora maionese.

mercoledì 18 giugno 2014

Pappardelle al pesce e cece nero

I nostri appuntamenti, come potrete notare, si sono diradati ma questo non vuol dire che le nostre cucine siano a riposo.
 La foto  testimonia chiaramente che non ci facciamo mancare piatti succulenti ed invitanti nonostante il tempo da dedicare all'arte culinaria sia molto diminuito causa fine della scuola.
Abbiamo abbinato del pesce freschissimo con il raro e gustoso cece nero dopodichè ci abbiamo condito delle fantastiche pappardelle Pasta Panarese.
Un preambolo così sintetico per dar spazio ad una ricetta che è un vero must della nostra cucina estiva.
I ceci neri sono abbastanza lunghi fra ammollo e cottura ma è un impegno che viene ampiamente ripagato dal sapore unico di questo delizioso legume.
 Ingredienti per 4 persone:
400 gr di pappardelle di Pasta Panarese
100 gr di ceci neri ( vanno tenuti in ammollo per una 24 ore e poi cotti per circa 3 ore con aglio e rosmarino)
500 gr di gamberoni freschissimi
500 gr di vongole veraci spurgate
500 gr di seppia pulita e tagliata
200 gr di pomodorini pachino
3 spicchi di aglio
1 peperoncino piccante
100 ml di olio extra vergine di oliva
prezzemolo
Procedimento:
Fare un battuto con aglio, prezzemolo e peperoncino. Scaldare una padella, mettere olio e trito. Far cucocere per qualche minuto sino a che l'aglio sarà dorato. Tagliare i pomodori ed aggiungerli, dopodichè mettere seppia,vongole e ceci (già cotti). Far cuocere per circa 10 minuti.
In una padella a parte far saltare in pocchissimo olio i gamberoni per qualche minuto con sale e pepe.
Cuocere le pappardelle in abbondante acqua salata. Scolarle al dente e ripassarle con il sugo di pesce.
Guarnire i gamberoni e servire immediatamente.



giovedì 12 giugno 2014

Quinoa estiva e tricolore

Quinoa 008

Adesso è veramente caldo, finalmente dirà qualcuno, "troppo" dirà qualcun'altro, però una cosa mette d'accordo tutti: con questo clima ci vogliono cose fresche in tavola!!!

Ringraziando il cielo, con queste temperature l'appetito scende in picchiata ma, mentre per quanto riguarda me potrei fare la ola da quanto sono contenta, per mio marito e mia figlia mi dispiace...

Ecco che allora cerco di stuzzicare la loro curiosità e le loro papille con cosine fresche e appetitose.

Oggi vi propongo un piatto che ho fatto in questi giorni e che ha riscosso molto successo in tavola: la Quinoa, un cereale ancora non troppo in uso nelle nostre tavole ma con proprietà da non sottovalutare.

In più, visto che siamo alle porte dei Mondiali di calcio e che la mia passione per questo sport si risveglia esclusivamente ogni quattro anni, ho voluto dare al piatto una nota tricolore...FORZA AZZURRI!!!

Ingredienti per 4 porzioni:

300 gr di Quinoa

1 peperone

1 porro

2 zucchine

2 carote

1 cucchiaio di aceto di mele

1 cucchiaino di miele acacia

olio, sale, pepe e un pizzico di peperoncino

In una pentola capiente versare la quinoa con 1 litro di acqua salata e portare ad ebollizione.

Fare cuocere per 15 minuti, i chicchi devono raddoppiare di volume.

Scolare dall'eventuale acqua in eccesso e condire con due cucchiai di olio.

Lavare e pulite le verdure e tagliarle a julienne piuttosto sottile.

Versate un filo d'olio in una padella dai bordi alti e, quando è caldo, aggiungete le verdure tutte insieme.

Coprite e fate stufare 5 minuti; scoperchiate, aggiustate di sale e pepe e unite il cucchiaio di aceto di mele e il miele.

Continuate a cuocere le verdure per 3 o 4 minuti e spengete.

Fate raffreddare e unite la quinoa lessata, aggiungendo se serve un filo di olio.

Mettete in frigo per almeno 1 ora, poi servite in una insalatiera o porzionato con un coppapasta.

Related Posts with Thumbnails