giovedì 3 novembre 2011

Pancotto e uno sguardo dalla finestra

arno

Il fiumiciattolo che vedete in questa foto è l’Arno così come si vede dalla mia casa natale, per tantissimi anni lo scorrere di questo fiume ha scandito il passare della mia vita. Le lunghe estati quando il greto del fiume era quasi completamente asciutto tanto da poterci scorrazzare, gli impetuosi autunni fatti di pieni improvvise che mi facevano andare a letto con l’ansia che potesse straripare, le nebbie perenni che affliggono costantemente il mio paese costringendoti  a procedere quasi alla cieca.

L’Arno per me è casa e quando Cran Berry di Cappuccino e cornetto per il suo contest Oltre il vetro ci ha chiesto di farle vedere cosa vedevamo quando guardavamo fuori dal vetro ho voluto renderla partecipe di ciò che hanno visto i miei occhi di bambina.

Candy

Gli anni sono passati e da ormai quasi 20 vivo in un’altra città non più da figlia ma da madre di famiglia e allora anche un simbolo della mia attuale visuale mi pareva doveroso, quello che vedete qui sotto è l’ulivo che ho regalato al mio bambino quando è nato in modo che uno possa seguire la vita dell’altro nelle loro varie stagioni

ulivo

Infine la ricetta di questo post sentimentale non poteva che essere una delle ricette più semplici e antiche della mia famiglia il pancotto, quello che la mia nonna preparava nelle fredde serate d’inverno quando doveva sfamare i figli e lei giovane sarta era già vedova:

pancotto

Il pancotto altro non è che un antenato della pappa al pomodoro o più prosaicamente quello che si cucinava la sera quando in casa c’era ben poco o come in questo caso quando arrivava l’olio nuovo e questa zuppa dava la possibilità di assaporarlo benissimo.

Ingredienti:

le dosi sono a occhio come una vera ricetta della tradizione richiede

pane raffermo

olio evo

aglio

rosmarino

Procedimento:

in un tegame mettere un po’ di olio nel quale faremo soffriggere l’aglio e il rosmarino, appena l’aglio è dorato uniremo il pane raffermo fatto a piccoli tocchettini, infine aggiungeremo dell’acqua fino a coprire.

La mia nonna a volte aggiungeva anche del latte o, se lo aveva, usava del brodo. Fate cuocere fino a che il pane non è disfatto e sul fondo del tegame non si forma una specie di pellicola.

Impiattate e versate un giro di olio sopra e del parmigiano se volete rendere il tutto più saporito.

Io ci metto anche una bella spolverata di pepe, provate e ditemi se questo piatto antichissimo vi è piaciuto!

48 commenti:

  1. bellissimo post, Pellegrina.
    il pancotto non l'ho mai mangiato, anche se ne ho sempre sentito parlare. Appena arriva il freddino da queste parti penso che una sera approfitterò di questa ricetta stimolante, che sa di antico e tempi andati.
    grazie di aver condiviso tutto ciò.

    RispondiElimina
  2. Gnaaaaaaam come ben sai I <3 ricette toscane, squisito il tuo pancotto e splendido il panorama dalla tua finestra, tranquillo, famigliare, sicuro ... un bacione

    RispondiElimina
  3. Deve essere una delizia ragazze mie...e poi, queste foto...mettono addosso una serenita'! Grazie!

    RispondiElimina
  4. il pancotto è una vera bontà!
    io ci meto anche parmigiano...sono una golosona!!!

    RispondiElimina
  5. che bello vivere immersi nella natura, se mi affaccio io alla finestra vedo auto, auto, auto, autobus, ristorante cinese, auto, auto, auto, benzinaio ( di notte ci sono anche le signorine!)....
    ...spero un giorno di poter tornare a vivere nella mia Basilicata.
    Il pancotto alla toscana non l'ho mai mangiato, ma anche da noi si fa, ed è un piatto da re.
    Complimenti, bellissimo post.

    RispondiElimina
  6. Quanto pancotto ho mangiato da piccola. Grazie per averlo ricordato in tutta la sua semplicità, in un contesto che ci riporta alle nostre radici.
    Mandi

    RispondiElimina
  7. Descrizione molto poetica della Valle dell'Arno... Brava.. devo dire che sai scrivere molto bene....
    Bella la foto del sole autunnale che si specchia sul fiume, così com'è bella la foto dell'ulivo.. che da simbolo di pace in questo racconto diventa un inno alla vita!
    Buonissimo il pancotto. baci

    RispondiElimina
  8. bellissimi ricordi e questo piatto antico è da provare! grazie!

    RispondiElimina
  9. mi piacciono un sacco questi post che mettono a nudo i propri sentimenti. Sono speciali questi racconti di vita, di ricordi.....sempre collegati ad una ricetta preziosa.
    un bacio
    Sabina

    RispondiElimina
  10. Bellissima la foto dell'Arno e bello anche il ricordo del pancotto legato sicuramente alla tua infanzia...L'ulivo rappresenta tutto. E visto che è così semplice (nel senso di tradizionale) e dal gusto credo unico mi è venuta la voglia di farlo e provarlo. Ciao e complimenti per questo post.

    RispondiElimina
  11. ragazze mie aspettatemi per pranzo capito... e una vera goduria ottimo...
    by da lia

    RispondiElimina
  12. Che bel post ricco di atmosfere e sentimento che termina con un piatto strepitoso....ragazze ci si vede a lucca:-)??????Speriamo!!!baci,Imma

    RispondiElimina
  13. @Imma :non vedo l'ora di abbracciarti!!

    RispondiElimina
  14. Le ricette più semplici sono sempre le più buone....e non è lo slogan di una pubblicità, è la pura verità! Questo pancotto è da provare...con tutto che poi sulle nostre tavole il pane avanza di continuo, e dovremmo riabituarci davvero come si faceva un tempo a non buttare via niente! Lo farò presto!

    RispondiElimina
  15. In tema di ricordi di famiglia: il pancotto era (è) la ricetta meglio riuscita di mia sorella! Specie nel suo periodo macrobiotico stretto, se cucinava il pancotto per i miei era un sollievo! Io invece non l'ho mai mangiato, non mi ispirava mica tanto...
    Ma adesso che il gusto è cresciuto e ha imparato tante cose e al tempo stesso noi siamo cresciute e viviamo ognuna a casa sua, come mi manca!!!!!
    Linda

    RispondiElimina
  16. Un post pieno di dolcezza e nostalgia!! Bellissima quella veduta dalla tua finestra e confortevole quel piatto sano e genuino...Un bacio grande!

    RispondiElimina
  17. Che bello scatto, chiamalo fiumiciattolo! :) La ricetta è di quelle che scaldano... anche il cuore!

    RispondiElimina
  18. il pancotto me lo faceva mia mamma quando allattavo..le nonne sostengono faccia venire il latte.
    non so se sia vero, ma l'ho mangiato lo stesso anche se non mi faceva impazzire...per i figli tutto si fa!
    ciao
    Valeria

    RispondiElimina
  19. Che paesaggio spettacolare!!

    RispondiElimina
  20. E la foto non poteva che essere accompagnata da una ricetta dell'infanzia!!Una bella combinazione,bravissima..mi piace il post e la ricettina è da provare!!
    Baci cara!!

    RispondiElimina
  21. Mi ricorda l'infanzia! grazie della ricetta! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  22. mai mangiato il pancotto!:O
    devo rimediare però!
    Le foto invece sono bellissime..e l'Arno è fantastico!
    Grazie pellegrine per aver partecipato, vi aggiungo subito, in bocca al lupo^_^

    RispondiElimina
  23. che bel post... molto intenso.. e anche a me il pancotto fa tornare tanti ricordi della mia nonna umbra..
    a presto!

    RispondiElimina
  24. non lo conoscevo, mia nonna usava la polenta!

    RispondiElimina
  25. con questo candy sto vedendo luoghi bellissimi, complimenti...

    RispondiElimina
  26. Ma che buono il pancotto!! Io lo mangiavo da piccolina ed ora lo preparo al mio piccolo ometto! Che bei ricordi :-)

    RispondiElimina
  27. Il pancotto! anche a me ricorda la mia nonna! certo, non abitavo in un posto così bello ma alla fine credo che ogni luogo legato all'infanzia sia magico...così come ogni cibo...questo pancotto parla d'amore...

    RispondiElimina
  28. Un bel post "del ricordo"; come non apprezzare anche le vecchie ricette di una volta, dove nulla andava sprecato? Avevo già sentito parlare di questa ricetta ma non la conoscevo in dettaglio; ora che la vedo mi sembra molto saporita. Un bacio

    RispondiElimina
  29. Bellissimo panorama e calda e fumante pancotto!! bravissime un'abbraccio Anna

    RispondiElimina
  30. che post "dolce"...e il tuo pancotta riscalda anche il cuore! ;)

    RispondiElimina
  31. Ciao carissima,la foto e' davvero bellissima trasmette serenita'.
    Il pancotto,e' una ricetta anche della mia regione
    l'Abruzzo,davvero riscalda il cuore e fa riaffiorare tanti bei ricordi.
    Un bacio e buona notte.

    RispondiElimina
  32. Il passato e il futuro nelle tue foto, anche i colori riportano ciò che è andato con i toni dell'autunno, e il futuro, la speranza dell'azzurro con il blu del cielo e un albero che continuerà a crescere insieme a tuo figlio.
    Complimenti!
    Che buono il pane cotto, ogni tanto lo preparo solo per me perchè al resto della famiglia non piace, proverò con aglio e rosmarino, certamente è più saporito.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  33. Bellissimo post, bellissime le foto!!!!
    La ricetta della nonna è di ricordo anche per me, seppur in versione diversa.
    Grazie e un grande bacio!!!!

    RispondiElimina
  34. Pero' mica male la tua vista dalla finestra...te le invidio entrambe...la mia vista mttutina e' uno stradone supertrafficato :(((

    Anche mia nonna preparava spesso il pancotto. Sara' anche un piatto potevo ma a me piaceva molto.

    RispondiElimina
  35. Il pancotto lo mangiavo da piccina e...ehm sì, non mangiavo altro, a detta di mammà!
    un bacio amora, e bello questo post!

    RispondiElimina
  36. Certo che il tuo pancotto racconta una bella storia di famiglia,che belli questi ricordi..baci!

    RispondiElimina
  37. Il pan cotto nn l'ho mai mangiato e dal motivo x cui si mangiava debbo dire che ringrazio Dio x questo,bel panorama dalle tue rispettive finestre io abito a 500 mt dal mare e quando s'ingrossa,d'inverno,penso sempre che dovrei tenere a portata di mano un canotto grande eheheh nn riuscirei ad abitare cosi' vicina ad un fiume...complimenti x il tuo racconto che mi ha tenuta attaccata allo scermo fino alla fine!!buon week cara!!!

    RispondiElimina
  38. che ricordi il pancotto!!! anche io lo mangiavo e a volte lo faccio ancora....buonissimo! brave ragazze...i piatti della tradizione vanno difesi!!!

    RispondiElimina
  39. davvero bellissima immagine. il pancotto... mi ricorda l'infanzia, veniva usato come panacea contro i mal di stomaco... ^^ ma è buonissimo <3 bacione lu

    RispondiElimina
  40. anche a me manca, devo provvedere! buona serata...

    RispondiElimina
  41. grazie di essere passate da me :)
    che bello questo post, pieno di dolcezza! Il pancotto lo preparava anche mia nonna e posso dire che è buonissimo! buon fine settimana :)
    Laura

    RispondiElimina
  42. Sai che non l'ho mai assaggiato il pancotto? provvederò..bellissime le foto e dolcissimi i tuoi ricordi...buona domenica!

    RispondiElimina
  43. Il blog Candy di Mirtillina lascia scoprire delle cose meravigliose... Il vostro post è davvero emozionale. Grazie care :)

    RispondiElimina
  44. Davvero uno meraviglia ciò che si vede dalla vostra finestra.....anche se spesso mi chiedo se non siano gli occhi che osservano a far la differenza in ciò che si vede e che si ha di fronte.
    Probabilmente qui c'è materiale tosto sia davanti che dietro l'obiettivo!

    Ecco un'altra ricetta che posso mettere nel mio file insieme ai crostini toscani che mi avete insegnato tempo fa, a proposito in freezer ne ho ancora una porzioncina per le emergenze!!!

    Bacissimi......Fabi

    RispondiElimina
  45. E' l'infanzia che ci forma e ci fa diventare cio che siamo, fortunati noi con un passato così, io però non ho avuto la fortuna di nascere in un posto meraviglioso come quello.Non potevi non mettere una ricetta così, brava!!!!;))

    RispondiElimina
  46. A parte il soffritto, è quello che da noi si usava per svezzare i bambini, con aggiunta di formaggio grattugiato. Era un pasto che continuava ad essere dato ai bambini tant'è che lo ricordo.

    RispondiElimina
  47. lo provero' senz'altro!!sa di buono e di famiglia unita,intorno alla tavola,per gustare un piatto saporito ^;* bellissimo post e ricettina meravigliosa!!complimenti,ragazze :))

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails