giovedì 22 settembre 2011

Zuppa di fagioli zolfini con tarese nella bozza toscana

zolfinonelpane
Vi avevamo già parlato del progetto di “gente del Fud”, per chi si fosse perso questo post vi riassumo in poche parole lo spirito dell’iniziativa. Pasta Garofalo ha pensato di creare un portale dove verranno recensite tutte le eccellenze alimentari del nostro paese, per far questo hanno chiesto l’aiuto di noi blogger.
Noi, da toscane doc, abbiamo deciso di recensire i prodotti che più ci stanno a cuore, partendo dal fagiolo zolfino fino alla tarese passando attraverso altre leccornie di cui vi parleremo in seguito.
Alcuni di voi probabilmente si domanderanno cosa è il fagiolo zolfino o la tarese, adesso in poche parole vi darò alcune informazioni essenziali ma tra qualche giorno sarà on line in sito di Gente del fud e potrete avere tutti gli approfondimenti necessari.
Lo zolfino è un fagiolo tipico di alcuni comuni alle pendici del Pratomagno, è di colore giallo e da qui il nome zolfino. Ha un sapore ed una delicatezza incredibile e la sua buccia sottilissima consente di cucinarlo senza ammollo.
La Tarese è un salume tipico del Valdarno aretino ed è formato dalla schiena,la pancia e l’arista del maiale e drogato con spezie particolari quali ginepro, cannella, coriandolo.
Il pane toscano credo che invece non abbia bisogno di presentazioni, questo che vedete nella foto è una bozza di pane toscano sciocco cotto a legna.
Ingredienti:
400 gr di fagioli zolfini
1,2 l acqua
4 spicchi di aglio con la buccia
1 ciocca di salvia
2/3 pomodorini di quelli piccolini
200 gr di tarese in una sola fetta
olio evo toscano
4 bozzettine di pane toscano da 250 gr
Mettere in un tegame di coccio i fagioli zolfini con l’acqua, l’aglio senza sbucciarlo (lavatelo!), la salvia e i pomodori e portate a bollore. Abbassare la fiamma e far cuocere per circa due ore e mezzo. Tagliare la tarese a cubetti ed aggiungerla ai fagioli. Aggiustare di sale. Portare a cottura: ci vorrà circa un’altra mezz’ora.
Togliere il coperchio ai pani e svuotarli dentro. Versarvi due mestoli di fagioli con la tarese, condire con un giro di olio e una spolverata di pepe appena macinato.
Servire caldissimo!

Chiaramente questa è la ricetta che ho fatto con i prodotti tipici delle nostre zone credo non sia necessario suggerirvi, qualora la voleste rifare, un altro tipo di fagioli, della pancetta o del guanciale e il miglior olio evo che riuscite a reperire!

35 commenti:

  1. Uhh... la zuppa nella pagnotta!!! Buonissima! e grazie per le indicazioni su fagioli e tarrese

    RispondiElimina
  2. Ricetta e spiegazione molto interessante, anzi che rifarla con altri prodotti alla prima occasione cercherò di farmela preparare sul posto!!
    Bellissima la presentazione, il pane come contenitore è davvero uno spettacolo!
    Buona giornata Pellegrine!!!

    RispondiElimina
  3. Me gusta la zuppa dentro al pane! Brave Pellegrine! W gdf! :) buona giornata!

    RispondiElimina
  4. ...... che dite se prendo un aereo subito subito ci arrivo per pranzo da voi??? in caso tenetemi una pagnottina con la zuppa per l'ora di cena,
    baci, Flavia

    RispondiElimina
  5. E' una meraviglia... No, non posso riprodurla, perché mi mancano gran parte degli ingredienti. Diciamo che di sicuro ho solo la salvia, l'acqua e i pomodorini :)

    RispondiElimina
  6. La Tarese mi suona assolutamente nuova ma ai fagioli zolfini è parecchio che “faccio la corte” e prima o poi cedo a metterli nel carrello della spesa. Servita in quella “bozzetta” la zuppa è troppo bella...e BUONA :D! Un bacione

    RispondiElimina
  7. 0_____0 cosa vedono i miei occhi la zuppa nella pagnotta aaaaah questa e da fare sicuramente anche con altri ingredienti simili ma va fatta ....
    complimenti cara e una vera presentazione rustica e completa...
    by da lia

    RispondiElimina
  8. Wow, ma questo piatto è veramente bellissimo!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia ragazze,questa zuppa rappresenta benissimo la toscanità, una vera delizia!Sono tornata all'ovile .. vi abbraccio!Smack Meggy

    RispondiElimina
  10. Che spettacolo ragazze !!
    E poi mi piace il termine che avete simpaticamente utilizzato per il salume: "drogato" :-D
    Il fagiolo zolfino... che delizia... Ho un amico che lo produce a Castiglion del Lago.

    P.s.: però vi confesso una cosa che vi farà rabbrividire: preferisco il pane salato a quello toscano :-)

    Ciaoo

    RispondiElimina
  11. Ho sentito parlare di questi fagioli e anche dell'ottimo pane toscano, questo abbinamento e' davvero speciale e poi che meraviglia presentato in questo modo!!!In Toscana si mangia davvero benissimo!!!Buona giornata!!!

    RispondiElimina
  12. Ma quanto mi piacciono le vostre ricette!!!!! Evviva la Tarese e i fagioli Zolfini! Eleonora (romana in Valdarno, anche per l'amore verso i suoi prodotti)!

    RispondiElimina
  13. Che presentazione originale!Una bella idea per questa stagione in cui comincia a fare freddino!

    RispondiElimina
  14. u mammina cosa vedoooooo
    boniiiii

    RispondiElimina
  15. Noi questo piatto lo facciamo tale e quale, al limite, se proprio vogliamo essere pignoli il pane non è lo stesso, è pugliese, di fagioli nelle Puglie non ne abbiamo, ci vorrebbe l'acqua, allora vengono da Sarconi in Lucania e si chiamano "ciuoti", semplicemente fagioli, chi sa poi perché si usa questa parola per dare dello stupido, e la Tarese non l'abbiamo mai vista, usiamo la pancetta tesa, generalmente calabrese o solo le cotiche fresche aggiungendo u Zafaran dolce e piccante lucano, peperone seccato all'aria, infornato e pestato finemente. Il nostro piatto è ottimo ma non è uguale al vostro ed in sostanza non è neanche pugliese, la ricetta pugliese dei fagioli è estiva e si fa con quelli freschi e un ingrediente innominabile qui.
    W la differenza.

    RispondiElimina
  16. Spettacolare, bella la presentazione e golosa nel gusto!

    RispondiElimina
  17. Te lo avevo già detto, questo per me che adoro i legumi è un piatto fantastico...sono i piatti di una volta, dove ci ritrovi tutto... Abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Con voi ho scoperto dei fagioli che non conoscevo ed un piatto veramente ottimo ! Grazie :-)

    RispondiElimina
  19. Davvero meraviglioso l'uso del pane come contenitore! Fantastica zuppa di fagioli!

    RispondiElimina
  20. Mi piace l'idea della zuppa nella pagnotta! I fagioli zolfini li conosco benissimo, la tarese invece no, ma la proverò sicuramente!Grazie per la dritta!

    RispondiElimina
  21. Che ottima ricettina e che bella presentazione!!!

    RispondiElimina
  22. ...m'avete fatto venì fame!!!!
    Boooni i fagioli zolfini nel pane!!!

    RispondiElimina
  23. A proposito, vi siete accorte che ho fatto la red velvet?

    RispondiElimina
  24. Questa zuppa nella bozza mi fa impazzire, questo post, mi fa impazzire!!! Io adoro la cucina tradizionale, regionale, casalinga, genuina... e in questa ricetta c'è tutto e di più! Grazie, toscane doc! :-)

    RispondiElimina
  25. il tipo di ricette che adoro! Assolutamente da replicare :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Quanto ho sentito parlare di questi zolfini..Bigazzi ne cantava le lodi ogni giorno!!Quindi che dire??prima o poi li troverò e son sicura che le mie aspettative non saranno deluse""In quel pane poi,diventano magici!!Brave come sempre,un bacio!!

    RispondiElimina
  27. care mie ragassuole mi inchino a cotanta bontà! faccio la ola e me magno tutto!!! maremma che bonoooo!!! questa zuppa nel pane fa venire fame.. anche alle 10 di sera.. bravee brave.. ^_^

    RispondiElimina
  28. Che bella ricetta e che bella presentazione O_O troppo brave!!
    Buon fine settimana carissime baci

    RispondiElimina
  29. Una zuppa tipica davvero molto buona e stuzzicante...molto brave "ragazze del food"!!! Un bacio e buon week end!!

    RispondiElimina
  30. Questo bel cestino me lo portavo volentieri a casa!! ottimo!!

    RispondiElimina
  31. Grazie delle spiegazioni, veramente interessanti, voglio trovarli questi ingredienti e provare a rifarla questa ricettina genuina e moolto invitante....brave bimbe, siete bravissime come sempre...

    RispondiElimina
  32. Questa zuppa mi sa calore domestico, di casa insomma!!! La presentazione è talmente tanto stuzzicante che sarebbe un peccato non provare la ricetta :)

    RispondiElimina
  33. Posso solo continuare a guardare i vostri...i miei fagioli zolfini NON sono ancora arrivati!!!
    Ho dovuto barare con quelli di Pigna a 29 euro al kg!

    RispondiElimina
  34. Dimenticavo....a questo punto appena arrivano provo a proporre questa ricetta...con tanto d'autore!!

    RispondiElimina
  35. Tutto ma proprio tutto mi piace di questa meravigliosa terra!!!! spero di trovare questi fagioli!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails