venerdì 29 ottobre 2010

Gattò aretino o salame dolce

gattò

Quello che nelle cucine italiane viene comunemente chiamato salame dolce o rotolo nelle case aretine si chiama semplicemente gattò, badate bene non gâteau alla francese ma gattò!!

Specialmente nel passato, quando ancora l’arte pasticcera casalinga non aveva un diffusione mondiale come adesso, ad ogni festa, ricorrenza o domenica nelle case degli aretini è probabile che avreste trovato questo dolce.

La ricetta che vi propongo è quella della mia mamma.

 

Cosa vi occorre:

Per la base biscotto:

  6 uova

12 cucchiai di zucchero

6 cucchiai di farina

1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera ed il cioccolato:

  4  tuorli

  8 cucchiai di zucchero

4 cucchiai di farina

4 bicchieri di latte ( circa 800 cl)

la scorza di un limone biologico

70 gr di cioccolato fondente

Per la bagna:

1 bicchiere di acqua

100 gr di zucchero

alchermes secondo il vostro gusto

Glassa:

zucchero a velo

succo di limone

canditi

 

Procedimento:

Preparazione della pasta biscotto:

Montare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso, aggiungere la farina setacciata . Montare le chiare a neve ben ferma con un pizzico di sale ed unire all’impasto, in modo da non sgonfiare il tutto.  Mettere su una placca  rivestita di carta da forno ed eventualmente imburrata ed infarinata ai bordi. Cuocere per 8-10 minuti a 180°. Appena sfornato mettetelo su un canovaccio ed arrotolatelo.

Preparazione della crema:

Montare i tuorli con lo zucchero ed un pizzico di sale in una pentola, unire la farina e quando è incorporata mettere il pentolino sul fuoco e diluire piano piano con un il latte; mettere una scorza di linone e  quando arriva ad ebollizione spegnere. Dividere in due parti il composto ed aggiungere ad una metà il cioccolato a pezzetti, mescolare fino a che non si scioglie.

Bagna:

Mettere a bollire l’acqua con lo zucchero, quando si raffredda incorporare il liquore.

Assemblaggio:

Srotolare piano piano il biscotto e bagnarlo con la bagna, versare la crema in metà biscotto ( nel senso della lunghezza) e la cioccolata nell’altra metà. Ricomporre il rotolo e preparare la glassa.

Mescolare lo zucchero a velo con il succo di limone fino a creare una crema densa. Versarla sulla torta e mettere dei canditi per decorare.

Colgo l’occasione per parlarvi del ZucCandy di Simona del blog A casa di Simo, lei è una vera forza della natura, vi consiglio di andare a vedervelo anche solo per leggere i suoi simpaticissimi post!

 

scrapeenet_20101025132837UzAu[1]

44 commenti:

  1. Non conoscevo proprio questa ricetta, mi fa venire in mente una specie di zuppa inglese arrotolata. Il sesto senso mi dice...veramente si vede proprio che è da leccarsi i baffi :D! Sante mamme ^__^ Un bacione, buon week end

    RispondiElimina
  2. Grazie per avermi insegnato qualcosa di nuovo!!!!

    Baci

    RispondiElimina
  3. Ok ragazze una fettina del vostro dolce in cambio di qualche nostro pain au chocolat...
    Buon week end e un bacione dai golosi ;)

    RispondiElimina
  4. uuummmm! che dolcezza! giornata dolce

    RispondiElimina
  5. Buongiorno ragazze!
    Potrei "morire" davanti ad un dolce così ...
    Vi auguro un meraviglioso week-end di Halloween ...
    Io arrivo in Toscana domattina ... non vedo l'ora! Ho già ordinato il pane ad Altopascio ...
    Sai che mangiate questo week-end!
    Baci, Babi

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questo dolce e non posso fare altro che apprezzarlo molto!Bravissime! Buon w.e.

    RispondiElimina
  7. Che prelibatezza! Crema pasticcera e al cioccolato, un rotolo magnifico, complimenti. Ciao e buon week-endd.

    RispondiElimina
  8. Rubo subito questa deliziosa ricetta davvero simpatica e golosa, bravissime un bacione e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  9. mi unisco al oro che sconosce questo dolce ma sembra cosi' buono!!!brave e assaggerei molto volentieri una fetta....baci

    RispondiElimina
  10. Anche io ragazze non conoscevo questo gattò...ma ne mangerei volentieri una fettina.
    Buon week-end ragazze

    RispondiElimina
  11. Un gattò dolce mai visto ne sentito, molto originale.

    RispondiElimina
  12. Assolutamente da provare! Grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  13. Di gattò conoscevo solo quello di patate e dal titolo ho immaginato fosse qualche variante, pero' dall'aspetto che ha ne prenderei una fettona... bacioni

    RispondiElimina
  14. non la conoscevo ma deve essere deliziosa, la proverò...

    RispondiElimina
  15. complimenti anche per la presentazione... sempre molto raffinata....
    eppoi... ha un che di peccamninoso quel dolce.. così "burroso" all'apparenza.. anche se poi in verità di burro.. neanche l'ombra.. quindi... slurpppppppp

    RispondiElimina
  16. Ma che bello e soprattutto che buono!!! Mi sa che questo gattò un giorno o l'altro la faccio!! Mi piace un sacco!! Buon Week end!

    RispondiElimina
  17. ragazze mi avete riportato alla mia infanzia, un bel po' di anni fa... l'ho visto e assaggiato qualche volta in casa della vicina di mia mamma, aretina, ma me lo ricordo proprio per il nome ero un po' perplessa che un dolce si potesse chiamare gatto si proprio come un gatto!
    ciao
    e buona giornata!
    Silvia

    RispondiElimina
  18. Proprio non conoscevo questo dolce...vi dirò che mi ha conquistata al primo sguardo!!!!!!!!!
    Buon w.e!!!!

    RispondiElimina
  19. Fino ad un secondo fa pensavo che la definizione gattò fosse riferita ad un salato...quante cose s'imparano ^_^
    Delisssssia!
    Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  20. Che buonoooooo!...non lo conoscevo!...grazie per la ricetta!!!

    RispondiElimina
  21. Ragazze, vi dico grazie, per avermi fatto conoscere un dolce, che fino ad oggi, per me era sconosciuto.
    Ma che bravi gli aretini!!!
    via giù, anche le aretine, se è per questo :)
    Scherzi a parte grazie davvero, sono curiosa di assaggiarlo!
    Bacio

    RispondiElimina
  22. Concordo con Federica sembra una zuppa inglese
    tentatrice...molto tentatrice...
    complimenti

    RispondiElimina
  23. molto invitante!!! garzie per la ricetta!!! mi piace proprio!

    RispondiElimina
  24. mi ha conquistato solo guardando la foto non lo conoscevo ma me è venuta voglia di una fetta....meraviglia

    RispondiElimina
  25. Ciao care!! Chiamatelo come volete...ma questa è una stragoduria allo stato puro!! Complimenti siete bravissime!! Bacioni e buon week end.

    RispondiElimina
  26. Ciaooo!!! grazie dei complimenti!!!
    comunque li rigiro anche a te perchè anche tu sei bravissima!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Ma pensa! Il "gattò" nel Sud è uno sformato di patate e da voi diventa un dolce... :-) E che dolce! Davvero da applauso. Bravissime!

    RispondiElimina
  28. bello! mi piacciono molto i colori con cui si presenta, brave!
    io invece questo w.e. sono in vena di giappone, venite a trovarmi :)

    RispondiElimina
  29. ciao ragazze, se passate dal mio blog vi ho lasciato la staffetta dell'amicizia, se vi và!
    Bellissimo questo gattò!!!!!!! me lo mangerei subito!!!!

    RispondiElimina
  30. Mi piacciono le ricette tipiche! Non conoscevo questo gattò, sembra squisito!

    RispondiElimina
  31. E' un rotolo, ma sicuramente più raffinato di quello comune: non lo conoscevo ....

    RispondiElimina
  32. Ragazze,,,un dolce nuovo per me...da "proprio una bella figura"...baci e buon weekend..grazie per essere passate da moi!!!

    RispondiElimina
  33. Che bontà! sembra essere un concentrato di dolcezza, sapore e godimento gustativo... Baci. Deborah

    RispondiElimina
  34. Ma che buono questo gattò/rotolo!!! E il colore dell'alkermes, poi... meraviglioso!!!

    RispondiElimina
  35. Che splendido dolce ragazze, grazie, non lo conoscevo, ne prendo nota e lo farò prestssimo!!! Un abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
  36. Spettacolare e golosissimo, complimenti! Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  37. Che bello sto gattò! E' un persianò?
    Sta battuta nemmeno mia nonna.
    Pellegrine mie solo a vederlo mi viene la glicemia a quattromila. Cosa è di bello?
    Mi verrebbe da provarlo...sì vabbè, lo sapete come sono in cucina, no?
    Grazie di tutto (capiteammè)
    Vi spettano due bigliettini (ri-capiteammè)
    Smack!

    RispondiElimina
  38. Bellissimo e buonissimo questo gattò. Ne ruberei volentieri una fettona!!! ;D
    Baci, Laura

    RispondiElimina
  39. Non conoscevo questa ricetta,che goduria!complimenti!

    RispondiElimina
  40. non lo conoscevo,deve essere buonissimo!!

    RispondiElimina
  41. un post ricco di sapori e ricordi. è molto bello conoscere anche le vostre origini attraverso un dolce che già dal suo aspetto si percepisce quanto sia gustoso.
    buona domenica
    Terry

    RispondiElimina
  42. che gatto' goloso!!! deve essere buonissino!!1 bacioni e buona domenica:)

    RispondiElimina
  43. Ma questo dolce è stupendo e chissà che buono!! Bravissime bella presentazione!!
    baci e Buona Domenica
    Anna

    RispondiElimina
  44. semplice, genuina bontà dei dolci di "una volta"...

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails